Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla Privacy Policy

Ipertensione

Secondo le più recenti linee-guida della Società Europea di Cardiologia (ESC), l’ipertensione è definita come un aumento della pressione arteriosa ed in particolare con valori della sistolica ≥140 mmHg e/o diastolica ≥90 mmHg. La diagnosi di ipertensione si basa su almeno due misurazioni in posizione seduta per ogni visita per almeno due visite .
Pazienti, indipendentemente dall’età, con alti valori di glicemia, diabetici, di colesterolo, cardiopatici, sofferenti di malattie renali e persone anziane sono i soggetti più a rischio per l’ipertensione arteriosa. Un corretto stile di vita può aiutare a prevenirne l‘insorgenza.

Uno scarso o mancato controllo concorre ad accentuare o può essere alla base dell’insorgenza di patologie a livello sia cardiaco, malattia coronarica, sia cerebrale, ictus. L’ESC raccomanda l'inizio rapido del trattamento farmacologico con antipertensivi in pazienti con rischio cardiovascolare elevato o molto elevato. I farmaci antiipertensivi dovrebbero essere considerati nei pazienti a moderata o a basso rischio quando la pressione arteriosa rimane> 140/90 mmHg dopo, rispettivamente, diverse settimane o mesi di misure di vita adeguate o in caso di persistente elevati valori della pressione rilevati fuori dall’ambulatorio del medico. Nei pazienti anziani il trattamento con farmaci antipertensivi è raccomandato quando la pressione sistolica è ≥160 mmHg, o ≥140 mmHg negli ultra ottantenni in cui il trattamento è ben tollerato.

È importante impostare una corretta terapia antipertensiva, che va eventualmente monitorata nel tempo, modificando i regimi posologici o associando più farmaci, per ottenere il massimo controllo dei valori pressori. Nell’armamentario del Medico quindi possono e devono entrare più molecole, che, interagendo a vari livelli, possono costituire una terapia personalizzata per il singolo paziente.

L’irbesartan è una molecola attiva nel trattamento dell’ipertensione essenziale , nel trattamento della malattia renale nei pazienti con ipertensione e diabete mellito di tipo 2, come parte di un regime con medicinale antipertensivo.

L’amlodipina è indicata nel trattamento dell’ipertensione e può essere usata nella maggior parte dei casi in monoterapia. I pazienti non adeguatamente controllati con un solo antipertensivo possono trarre beneficio dall’aggiunta di amlodipina.

Il farmaco è stato infatti usato in associazione con diuretici tiazidici, beta-bloccanti o inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE inibitori).

Il carvedilolo è indicato per il trattamento dell'ipertensione arteriosa essenziale. Può essere usato da solo o in associazione con altri antiipertensivi, specialmente con i diuretici tiazidici.

 

Le proposte terapeutiche

Specialità farmaceutiche:

Itrin - terazosina 2 mg -10 mg compresse

Losedin - amlodipina 5 mg -10 mg compresse

Accedi all'area professionisti per visualizzare le schede prodotto complete