Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla Privacy Policy

Ecuforelle

confezione_ecuforelle_3d


Specifiche


• Boldo (160 mg tit. 0,25% in boldina), di cui boldina 400 mcg
• Capsico (60 mg tit. 2% in capsaicina), di cui Capsaicina 1,2 mg
• Piantaggine (Plantago major L.) (70 mg)
• Uva Ursina (70 mg tit. 10% in arbutina), di cui arbutina 7 mg
• Vitamina E (12 mg)
Senza glutine. Naturalmente privo di lattosio.
30 compresse
€ 21,00
Utile in presenza di condizioni in cui è maggiormente richiesto un aiuto alla normale funzionalità delle vie urinarie e al drenaggio dei liquidi corporei e per favorire un’azione antiossidante, ad esempio i LUTS femminili (disturbi delle basse vie urinarie nella donna).
Si consiglia l’assunzione di 1 compressa al giorno da deglutire con un bicchiere d’acqua, preferibilmente a stomaco pieno la sera prima di coricarsi.
Non assumere in caso di ipersensibilità o di allergie verso uno o più componenti. A scopo precauzionale si sconsiglia l’uso del prodotto in gravidanza e durante l’allattamento.

Area Uro-Ginecologica

Ecuforelle è un integratore alimentare a base di Boldo, Piantaggine, Uva ursina, Capsico e Vitamina E utile per il benessere delle vie urinarie e il drenaggio dei liquidi corporei.

Il dolore vescicale non è un sintomo facilmente oggettivabile poiché a oggi non esistono criteri diagnostici definiti e non è chiara né la fisiopatologia né tanto meno il suo trattamento.
Si tratta di una patologia molto spesso cronica e fortemente impattante poiché chi ne è affetto, proprio per i caratteristici sintomi quali aumentata frequenza urinaria, urgenza, senso di peso sovrapubico e dolore pelvico, è fortemente condizionato nelle mansioni quotidiane e nella vita relazionale.

Il dolore vescicale può essere il sintomo principale di diverse patologie oppure può esserne esso stesso l’unica manifestazione clinica. La Sindrome della vescica dolorosa, che include anche urgenza e frequenza minzionale, è prevalente nelle donne in menopausa, in chi utilizza terapia contraccettiva sia a basso dosaggio di estrogeno che a solo contenuto progestinico, oppure nelle donne in cui si è cronicizzato un evento infiammatorio/infettivo vescicale, sia nelle donne diabetiche che risentono dell’effetto vasculo- neuropatico e del maggior rischio di infezioni indotto dalla patologia stessa.

In linea generale in questo quadro patologico i sintomi tipici sono:

Sintomi genitali

  • Secchezza
  • Bruciore
  • Irritazione

Sintomi sessuali

  • Mancanza di lubrificazione
  • Discomfort o dolore
  • Funzioni compromesse

Sintomi urinari

  • Urgenza
  • Minzione dolorosa o difficile (disuria)
  • Ricorrenti infezioni del tratto urinario

Il corretto approccio terapeutico prevede l’utilizzo di sostanze che vadano a colpire tutti i potenziali fattori di innesco tra cui infezioni (Candida spp., Escherichia coli, Chlamydia, Ureoplasma, ecc), agenti fisici o chimici, carenza estrogenica, traumi meccanici sostenuti dal rapporto sessuale, stimoli neurogeni.
Le raccomandazioni sulla terapia medica della sindrome della vescica dolorosa dolorosa (BPS/IC) hanno come obiettivo principale il sollievo sintomatologico. Trattandosi nella maggior parte dei casi di fenomeni cronici, l’utilizzo di farmaci con potenziale tossicità a lungo termine (FANS, oppiodi e corticosteroidi) dovrebbe essere considerata solo nei casi in cui altre opzioni terapeutiche sono risultate inefficaci.

Ovviamente, oltre all’obiettivo antalgico, non va trascurata la gestione dei principali fattori scatenanti o aggravanti, quali gli agenti microbici e l’ipoestrogenismo. In particolare, il trattamento farmacologico delle infezioni batteriche recidive prevede l’utilizzo di agenti disinfettanti e antimicrobici prolungati nel tempo e/o ripetuti, per poter garantire un’efficacia terapeutica. L’utilizzo continuativo di antibiotici è comunque gravato dal rischio di resistenze, nonché da possibili complicanze gastrointestinali che a lungo termine compromettono la qualità di vita dei pazienti.

In questo quadro sintomatologico l’utilizzo di fitoterapici e nutraceutici opportunamente formulati può diventare un’opzione adiuvante fondamentale.

Ecuforelle è un nuovo prodotto fitoterapico di Ecupharma a base dei seguenti componenti funzionali alle caratteristiche dell’apparato urinario femminile:

CAPSAICINA DA Capsico
La capsaicina è in grado di reagire con i recettori vanilloidi delle fibrocellule muscolari lisce della vescica. In condizioni patologiche questi recettori attivano le fibre amieliniche C con conseguente:

  • Aumentata frequenza minzionale
  • Urgenza minzionale
  • Incontinenza
  • Ridotta capacità vescicale

L’interazione tra capsaicina e recettori vanillodi induce la desensibilizzazione delle fibre C, permettendo così di interrompere la risposta allo stimolo nocicettivo e di inibire l’iperattività del muscolo detrusore. Grazie alla sua azione di blocco sulle fibre C, la capsaicina permette un’efficace azione sul dolore e la regolazione della normale funzione vescicale (azione antinfiammatoria e antidolorifica).

BOLDO
Il Boldo è in grado di legarsi selettivamente agli adrenorecettori α-1A localizzati nel corpo della vescica e nel trigono vescicale esprimendo un’azione alfalitica che permette di ridurre l’ostruzione dell’orifizio vescicale, senza ripercussioni sulla contrattilità vescicale (azione miorilassante).

UVA URSINA
L’uva ursina, grazie a un’azione efficace su infiammazione e infezione, è impiegata in fitoterapia contro numerosi ceppi batterici comunemente responsabili di infezioni del tratto urogenitale. Le proprietà terapeutiche sono racchiuse nelle foglie che contengono numerosi principi attivi, tra i quali l’arbutina, ad azione antibatterica, astringente, diuretica e antinfiammatoria.

PIANTAGGINE ad azione antisettica e antinfiammatoria

VITAMINA E che protegge le cellule dallo stress ossidativo (azione antiossidante).